Senza categoria

I motivi per cui non visitare/soggiornare in Abruzzo… (fonte web)

VE LO DICO IO COME STANNO LE COSE.
L’Abruzzo non è una meta di vacanze da sogno.
Non lasciatevi ingannare da spot fantasiosi e falsi.
NON CI VENITE IN ABRUZZO!
E ve lo dico io che sono nata in Piemonte, a Torino, e all’età di 13 anni sono stata deportata qui, in Abruzzo.
La mia vita ha preso una strada… a 10 km dal mare e a 50 dalla montagna. Un’aberrazione della natura.
Vivo in un appartamento al quarto piano, da un lato vedo l’Appennino abruzzese, il profilo del Gran Sasso e quello della Majella e dall’altro lato di casa, vedo l’orizzonte del mare, tra i palazzi.
Che schifo.
E vogliamo parlare di ‘sta cazzata della tavola da snowboard che con MEZZ’ORA d’auto si trasforma in surf, neve e mare nello stesso giorno? ma quale mezz’ora! ci vogliono ALMENO 50 MINUTI! e poi, chi ha voglia di scendere al mare dopo una giornata sugli sci! Eddai su!
E quando poi decidi di svagarti nell’entroterra?
Borghi. Tanti borghi, troppi. Di quelli in cui sembra di tornare indietro, nel medioevo, con gente di quell’epoca che ci abita ancora eh!
Mummie sedute davanti l’uscio di casa a prendere aria, a CHIACCHIERARE CON IL VICINO.
Non ci si può credere.
Sì perché qui hanno questa pericolosissima abitudine di socializzare coi vicini e se tu, visitatore, gli passi davanti, e non sia mai, sorridi per pura educazione, è finita. L’Inquisizione si presenta come l’apostrofo rosa tra “da onn’arrive e di chi si lu fjie?”. E lì, ci lasci pure il fegato perché ti obbligano in modo subdolo a bere il caffè che ti offrono, le pizzette dolci fatte in casa o un bicchiere di vino e due salsicce.
Tutto ciò assolutamente non salutare.
Vogliamo parlare anche della costa adriatica? territorio selvaggio, con spiagge libere ovunque, OVUNQUE! Spiagge di pietre, sabbia, mare con bandiere blu dappertutto. Guardate che i pesciolini che si vedono a pelo d’acqua sono finti. La trasparenza è solo un’illusione ottica, date retta a me!
“La costa dei Trabocchi” la chiamano. Capirai, 4 assi di legno messe in croce sul mare. Per pescare. Già, perché qui le canne le usano in altri modi, per farci le farchie e dargli fuoco, per esempio. Dai, quella cosa del rito del fuoco in onore di Sant’Antonio, di San Giovanni… il primo che si alza la mattina da fuoco a qualcosa in onore di qualcuno. Ovunque eh.
Mi stupisce che ci siano ancora boschi così rigogliosi.
A proposito. Ben tre Parchi Nazionali; lupi e orsi che se la tirano e ti snobbano passandoti accanto; cervi, camosci, gufi, aquile, rapaci di ogni genere che ti svolazzano sulla testa e tanti altri animali pericolosissimi che ti possono apparire così, senza preavviso. Come il cinghiale. Qui ormai è un animale domestico. Li aiutiamo, a casa nostra. A diventare salsicce sott’olio o spezzatini in umido.
Non ci venite… non ci venite, l’Abruzzo è un incubo.
Arte, cultura, storia… ma dove? un po’ di pietre ammassate a forma di castello qua e là, ruderi di fortezze ovunque, abbazie, chiese di ogni epoca. Ma stiamo messi così male che qui le madonne scappano pure, non vi dico a Sulmona. Sì, in tempi passati in questa terra sono nati poeti, scrittori, filosofi, musicisti, artisti bla bla bla e quindi? quale regione non ha musei, luoghi di culto, paesaggi mozzafiato, cibo e vino d’eccellenza? E poi basta con questa cosa del “tradizionale è bello”! Sembra di essere fuori dal tempo, c’è troppa pace, troppa natura, troppo di tutto!
Poi ‘sti abruzzesi vantano tanta bellezza a chiacchiere perché in realtà, sono dei selvaggi indicibili e pure crudeli. Lo sapete che fanno in questa che è la regione più ovina d’Italia? Trasformano le pecore in cubetti piccoli, li infilzano uno a uno in stecchini lunghi che poi dispongono sulla “canaletta” dove c’è del carbone ardente e quando la carne è cotta, morbida, succulenta, viene salata e… mangiata! QUALE CRUDELTÀ!
NON CI VENITE IN ABRUZZO!
Per favore, quando dovete scegliere la vostra meta per le vacanze, ricordatevi poi che qui siamo a due passi dal vero Triangolo delle Bermuda, confiniamo con quel luogo leggendario che sembra inghiottire tutto, cose ed esseri umani. Sì, siamo ai confini con la realtà, oltrepassati i quali, è un attimo sparire nel Molise.

Io vi ho avvisato, steteve a la casa!

nonciveniteinabruzzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...